Il Mining Trail - Sardinia 2022 avrà la sua base logistica anche quest'anno Santadi, a Su Benatzu dalla famiglia Pirosu, all'Agriturismo La Grotta del Tesoro. Il percorso cambia ancora, si dirige verso est per scoprire percorsi nuovi e inediti per il nostro trail...


Il Mining Trail anche nel 2022 rimane al mare…al mare come nelle passate edizioni, ma ritrova anche le "grandi montagne" e le salite pedalabili ma lunghe, si inoltra in una delle foreste di lecci più grandi del bacino del Mediterraneo, già patrimonio dell'UNESCO e inserita, per la sua importanza, nel progetto MAB: Man and the Biosphere.


Va al mare e si allontana un poco dalle sue origini, dalle miniere, inevitabile se vogliamo proporvi  percorsi nuovi... ma, lungo il percorso arancione e quello rosso, toccherà un'area mineraria mai toccata nelle passate edizioni, una delle città minerarie più importanti della Sardegna: Carbonia! Sin dal 1850 era noto il bacino carbonifero del Sulcis, dal 1851 al 1933 si inizio l'estrazione massiccia, anche se con alti e bassi, nella miniera di Bacu Abis. 

 

Tra il 1935 e il 1936 il potenziamento "autarchico" del bacino carbonifero del Sulcis venne spinto al massimo e sotto la gestione della ACAI venne individuato il bacino di Sirai-Serbariu. Ma nel 1936 non vi era ancora traccia della città; la popolazione viveva ancora in piccoli nuclei abitativi tradizionali, is medaus.

 

Nel 1938, dopo una costruzione in tempi record, si concludono i lavori per l'edificazione della città: in meno di 13 mesi Carbonia è pronta per ospitare 12.000 persone.


I percorsi, vista l'esperienza della passata edizione son stati disegnati per essere pedalabili, riducendo al minimo indispensabile anche i passaggi a piedi,  inserendo qualche tratto tecnico e  sempre cercando di evitare il più possibile l’asfalto!

In questo modo forse quest'anno la dose di improperi sarà ridotta al minimo.


Sicuramente non vi accontenterò tutti, ma spero il maggior numero possibile!

I TRE PERCORSI

Coming Soon!

PROFILI ALTIMETRICI